Gli anti-HCV ad azione diretta sono dei salvavita. Lo studio su Lancet smentisce review Cochrane

th-lancet.jpg

I risultati di uno studio osservazionale pubblicato su Lancet dimostrano che gli anti-virali ad azione diretta (DAA) riducono il rischio di mortalità del 52% e quello di carcinoma epatocellulare del 33% smentendo i risultati di una revisione della Cochrane sui benefici a lungo termine di questi farmaci.
In passato, già altri studi avevano indicato un ridotto rischio di complicanze e mortalità nei soggetti trattati con interferon o con antivirali diretti; pochi studi avevano però messo a confronto diretto trattati e non trattati.
Questo studio ha escluso i pazienti trapiantati di fegato e quelli con cirrosi scompensata, che sono quelli a maggior rischio di complicanze.

L’Oms ha stabilito degli obiettivi per l’eradicazione dell’HCV, raggiungibili per il 2030 solo al prezzo di uno sforzo importante in termini di screening, prevenzione e trattamento.

link: https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(18)32111-1/fulltext


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Copyright by Diagnostica Biomolecolare San Modestino srl | Sviluppato dalla Software Engine Srl